Solforatrice a spalla manuale SV80 ed elettrica DINAMICA

State cercando una solforatrice per proteggere da funghi e insetti dannosi le vostre piante?

Volpi Originale vi offre due solforatrici a seconda delle vostre esigenze: la solforatrice a spalla manuale SV80 e la solforatrice elettrica DINAMICA.

Entrambe le solforatrici dispongono di un serbatoio in polietilene con capacità di 6 kg e non superano gli 8 kg di peso. Ergonomia e facilità di utilizzo sono le principali caratteristiche.

Le solforatrici Volpi Originale sono gli strumenti ideali per la distribuzione di polveri in agricoltura.

La solfdinamicaoratrice a spalla manuale SV80 dispone di due canne di prolungamento e uno spandi zolfo per agevolare l’erogazione in tutte le condizioni, raggiungendo anche le cime.

Il pistone a doppio effetto della solforatrice manuale è comandato da una leva che ne permette l’utilizzo sia a persone mancine che destre. Modificare la posizione delle leva è semplice e veloce.

 

 

La solforatrice elettrica DINAMICA è dotata anch’essa delle due canne di prolungamento e di spandi zolfo. Il gruppo trituratore a disco rotante della sv80solforatrice elettrica DINAMICA consente condizioni ottimali di erogazione della polvere. E’ possibile regolare il disco in 5 differenti posizioni grazie all’apposito regolatore a leva azionato comodamente dall’operatore.

La solforatrice elettrica DINAMICA è dotata di una batteria ricaricabile da 12V. L’erogazione di polvere risulta, quindi, automaticamente regolata, costante nella portata e senza sforzo per l’operatore.

Consigli utili:

Attenzione! Quando utilizzate lo zolfo è bene seguire dei piccoli accorgimenti perché questo prodotto può essere dannosa per la salute.

Vi proteggete occhi, bocca, naso e mani durante la sua erogazione? Evitatene la distribuzione in giornate ventose perché, a causa dell’aria, lo zolfo può andare in tutt’altra direzione rispetto a quella desiderata riversandosi così su di voi.

Fate trascorrere almeno 30 giorni fra un trattamento e l’altro, evitando così il sovraccarico della pianta. La stagione ideale è l’autunno, perché lo sbalzo delle temperature o il clima troppo caldo e freddo può ridurne l’efficacia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *